Homepage – Prosciutto di Bassiano Reggiani

UNA TRADIZIONE DI FAMIGLIA DAL 1964
Erano gli anni del dopoguerra quando Astro, nostro nonno, fuggì dalle penurie della pianura padana ed emigrò verso l’agro pontino in cerca di fortuna. Nostro nonno era un salumiere modenese che apprese l’arte della lavorazione della carne dal padre, anche lui salumiere. Dopo anni di lavoro iniziò a produrre prosciutti partendo dall’unica ricetta che conosceva, quella del posto. Conobbe il borgo medievale di Bassiano per caso e, resosi conto dell’aria particolarmente adatta alla stagionatura delle cosce di maiale, prese accordi con le monache di un convento nelle vicinanze ed iniziò a stagionare lì i suoi prosciutti. La ricetta, costituita da una salsa spalmata sulla carne fresca composta da vino dell’agro pontino, aglio, sale marino, pepe e da una leggera affumicatura con legno di faggio, è molto semplice. Ma l’ambiente – Astro lo sapeva – è determinante e Bassiano, con i suoi 650 metri di altitudine, sembrava avere le caratteristiche giuste. Nonno trovò il luogo ideale appena sopra il borgo medievale: uno spazio immerso in boschi di faggio dove l’aria fresca, asciutta, protetta dall’umidità del mare, catturando gli aromi dei boschi circostanti impreziosisce e stagiona i nostri prosciutti conferendogli un sapore unico ed inconfondibile. Noi fratelli seguiremo le orme che sono state di nostro nonno, di suo padre e di nostro padre, osservando rigorosamente la cosa più cara che ci è stata lasciata: la vecchia ricetta. Sperando di avere anche solo la metà del coraggio di nostro nonno continueremo a fare il prosciutto come si faceva una volta. Da quando lui iniziò il mondo è cambiato molto ma, qui a Bassiano, per fortuna il tempo sembra scorrere più lentamente
 
Dal produttore al consumatore

Acquista i nostri prodotti direttamente sullo shop online.


Termini e Condizioni Compra Online
 
FARE IL PROSCIUTTO E' UN'ARTE

Un prodotto di altri tempi


Rispetto delle tradizioni e amore per il nostro territorio. Le fasi di lavorazione non sono molte, ma bisogna saperle fare. Servono attenzione, competenza, macchinari adeguati, ambiente e clima adatti.

  • Il Premio Dino Villani è riservato ai titolari delle aziende artigianali o piccolo-industriali che si distinguono da tempo nella valorizzazione dei prodotti alimentari italiani con alti livelli di qualità.
    Accademia Italiana della Cucina
    Premio ``Dino Villani``
  • Senza dubbio il miglior prosciutto del Lazio, al limite della perfezione e di grande impatto gustativo ed aromatico. La salatura aggiunge al magro note di sapidità ben dosate, l'ottima qualità del grasso equilibra tutto, aggiungendo delicatezza. Le condizioni di stagionatura conferiscono note di sottobosco. Un prodotto di grande finezza.
    Gambero Rosso
    Grandi salumi d'Italia
  • Aroma fragrante, caratteristico, sapore intenso.
    Dove
    Viaggi Cultura e Stili di vita